//

Guida Essenziale sui costi di Dubai per Freelance, Imprenditori e Nomadi Digitali

Tempo di lettura : 6 minuti

Dubai, il gioiello scintillante del deserto, è un panorama urbano che stupisce con il suo skyline futuristico, le sue spiagge color oro caramello e una vita notturna che non dorme mai. Ma, al di là del glamour e del luccichio, emerge una domanda essenziale: quanto costa effettivamente dare il via a un’impresa in questa metropoli multiculturale? In questo articolo, vi guideremo attraverso il labirinto finanziario di Dubai, esaminando i salari medi, gli affitti, il costo della vita, i prezzi dei prodotti alimentari e dei trasporti, con un occhio di riguardo per tre categorie di professionisti moderni: il freelance, l’imprenditore e il nomade digitale.

Immagina, quindi puoi? A Dubai è (quasi) così

Immagine la città di Dubai: un quadro futuristico tracciato con pennellate di architettura audace, intercalate da spiagge dorate e arricchito da un ritmo notturno inarrestabile. Questo palcoscenico cosmopolita non si limita ad essere solo un’opera d’arte visiva, ma serve da griglia di lancio per sognatori audaci e professionisti arditi ma in ogni caso, molto preparati. In questa metropoli dalle mille sfaccettature, troviamo tre figure emblematiche che incarnano il dinamismo di Dubai: il freelance, il maestro di se stesso; l’imprenditore, il creatore di mondi; e il nomade digitale, il pioniere dei confini virtuali.

Ognuno di loro naviga in un oceano di opportunità, guidato dal faro dell’innovazione che illumina il panorama di Dubai. Ti invitiamo a unirti a noi in questo viaggio esplorativo, mentre scostiamo il velo sui costi reali, sulle sfide e sui trionfi di avviare un’impresa in questo crocevia del mondo. Sei pronto per un’avventura imprenditoriale? Prendi il tuo biglietto, stiamo per decollare!

Il Freelance: Un Viaggio nel Mondo del Lavoro Indipendente

Sognare di essere un freelance a Dubai è come desiderare un bicchiere di limonata fresca in una giornata calda e soleggiata – entrambi offrono una dolce libertà. Con un salario netto medio mensile di 16,208.26 AED (circa 3,981 euro), un freelance può godere di un comodo stile di vita a Dubai, specialmente se opta per una residenza fuori dal centro, dove l’affitto per un monolocale è di circa 4,169.33 AED al mese (circa 1,022 euro). Tuttavia, non dimentichiamo che il costo della vita a Dubai può essere significativamente più elevato rispetto ad altre città. Per un individuo, il costo della vita è stimato in circa 3,975.2 AED al mese (circa 975 euro) escludendo l’affitto. Questa cifra include spese quali alimentari, trasporti e servizi di base.

Proseguendo nel viaggio, si scopre che vivere come un freelance a Dubai non è solo una questione di numeri impressionanti, ma anche un’affascinante miscela di esperienze ed opportunità. Immagina di lavorare da un caffè affacciato sulle acque azzurre del Golfo Persico, o di prenderti una pausa pomeridiana per fare shopping nel vivace Souk dell’oro.

A Dubai, la tecnologia è un alleato del freelance. L’accesso a internet è rapido e affidabile, le infrastrutture tecnologiche sono all’avanguardia e l’innovazione è costante. Questo ti permette di rimanere connesso con clienti e collaboratori di tutto il mondo, mantenendo un equilibrio tra lavoro e vita privata che ti consente di goderti tutto ciò che questa città unica ha da offrire.

E parlando di stile di vita, preparati a essere sorpreso. La città si sta affermando come una destinazione per i gourmand, oltre a offrire un notevole panorama di eventi culturali, sportivi e artistici che possono ispirare la tua creatività e arricchire la tua esperienza come freelance. Dai festival cinematografici agli eventi di design, dalle competizioni sportive alle esibizioni di arte contemporanea, c’è sempre qualcosa di nuovo e stimolante che ti aspetta.

Dubai, insomma, ti offre l’opportunità di vivere il freelance non solo come una professione, ma come un lifestyle. Un modo di vivere che combina il dinamismo del lavoro autonomo con la possibilità di scoprire e godere una città in continua trasformazione. Sei pronto per l’avventura?

L’Imprenditore: Avviare un Business nella Metropoli delle Opportunità

Per l’imprenditore ambizioso, Dubai è un universo di opportunità. Prima di tutto, scegliere il giusto tipo di attività e il nome dell’azienda è fondamentale. Come una città che abbraccia l’innovazione e il progresso, Dubai è aperta a una moltitudine di imprese. Determinare il tipo di business che si intende avviare sarà fondamentale anche per la licenza necessaria per operare legalmente, che può essere commerciale, industriale o professionale.

Numerosi imprenditori scelgono di stabilire la loro azienda nelle zone franche di Dubai, che permettono di possedere la totalità della propria azienda e non richiedono un sponsor locale dagli Emirati Arabi Uniti. Attualmente, ci sono più di 30 zone franche a Dubai, con alcune che offrono incentivi come l’assenza di tasse sulle società e sulle persone, il 100% di rimpatrio di capitale e profitti, e la totale proprietà dell’azienda.

Non vogliamo dire che sia facile, anzi! Siamo sempre attenti a mettere in guardia dalle false promesse di Dubai, o meglio, dei sedicenti consulenti che si improvvisano in un mondo che invece richiede alta professionalità e preparazione. Eppure, possiamo d’altra parte anche affermare che per l’imprenditore visionario Dubai non è solo una città, ma un laboratorio cosmopolita di opportunità, in cui le idee si trasformano in realtà con un ritmo che rasenta la magia. Qui, l’atto di scegliere il giusto tipo di attività e il nome dell’azienda non è un semplice passaggio burocratico, ma il primo passo di una danza imprenditoriale che può portarti a danzare tra le stelle del successo.

In questa città, che si svela come un caleidoscopio di progresso e innovazione, ogni business trova il suo posto sotto il sole. Che tu stia pensando di aprire un ristorante gourmet, di avviare un’azienda tech o di lanciare una startup di moda sostenibile, Dubai ti accoglie a braccia aperte, se sei praparato ad reggere il colpo. Questa preparazione deve avvenire fin dalla scelta del tipo di business che, non solo definirà il tuo percorso imprenditoriale, ma determinerà anche la licenza necessaria per operare legalmente. Tra licenze commerciali, industriali e professionali, l’offerta è ampia e flessibile, pronta a rispondere alle esigenze più diverse.

Il Nomade Digitale: Lavorare da Ovunque, Vivere a Dubai

Per il nomade digitale, Dubai è come un enorme hub di coworking sotto il sole. Ma tutto questo ha un costo. Parliamo del costo mensile totale per vivere e lavorare a Dubai che non è basso, attestandosi a circa 4,410 euro. Questo secondo Numbeo, sito che valuta i costi della vita nel mondo. C’è quindi da considerare che il livello di reddito a Dubai è alto, ma potrebbe esserlo non abbastanza considerato che il reddito mensile può variare dai 3,135 dollari (circa 2,630 euro), ai 5,100 euro. Questo significa che potrebbe succede che un nomade digitale oggi non guadagni abbastanza per mettere da parte qualcosa per i “tempi di magra”.

Per un nomade digitale, l’approccio alla vita lavorativa è diverso da quello della maggior parte delle persone e dipende notevolmente dal tipo di lavoro che svolgono, dalle loro competenze e dall’esperienza. Il vantaggio è che, non essendo legati a un ufficio fisico e possono lavorare da qualsiasi luogo offra una connessione internet affidabile, questo stile di vita flessibile può essere una goduria nell’emirato, visto ciò che offre in termini di luoghi e scorsi. Forse proprio per questo è un tipo di attività in continua crescita, con un numero sempre maggiore di professionisti che scelgono di operare in questa modalità.

Il dato: a Dubai questo fenomeno è aumentato del 2.7% solo nell’ultimo anno, secondo il Dubai Statistics Center. Con i suoi numerosi spazi di coworking all’avanguardia, la crescente digitalizzazione dell’economia e l’apertura verso il mercato internazionale, Dubai rappresenta oggi forse il terreno fertile per i nomadi digitali.

L’aspetto burocratico di lavorare come nomade digitale a Dubai può sembrare un po’ complesso, ma in realtà è più semplice di quanto si pensi. Il governo degli Emirati Arabi Uniti ha introdotto un nuovo “visto virtuale” per i nomadi digitali e le loro famiglie. Questo visto permette ai lavoratori remoti e ai loro familiari di vivere a Dubai mentre continuano a lavorare per un datore di lavoro all’estero.

Entrare nella comunità di nomadi digitali di Dubai è un processo emozionante. Esistono diverse piattaforme e eventi di networking dove è possibile incontrare altri nomadi digitali, condividere esperienze, conoscenze e consigli. Molti di questi eventi si svolgono negli spazi di coworking della città, come The Bureau Dubai o A4 Space. Ma attenzione, perché anche in questo caso tanto oro può accecare! Valutiamo questi dati prima di lanciarci in entusiasmenate traversate con lo zaino in spalla: secondo il sito Nomad List, Dubai ha un punteggio totale di 3.15 su 5 per i nomadi digitali, classificandosi al 134° posto (un dato non così basso, considerando che, ad esempio, Roma ha un punteggio di 2.88 su 5, Firenze ha un punteggio di 2.96 su 5, e Milano ha un punteggio di 2.93 su 5).

Ok, nonostante il costo della vita relativamente alto, Dubai offre una serie di vantaggi per i nomadi digitali. La città ha un buon punteggio per la qualità della vita, la sicurezza, la mancanza di criminalità, la sicurezza alimentare e la rete elettrica. Inoltre, la città ha un punteggio “ottimo” per la densità di popolazione, la percorribilità e i luoghi da cui lavorare.

Tuttavia, ci sono anche alcuni aspetti negativi da considerare. Ad esempio, il livello di inglese parlato è classificato come “scarso”, il che potrebbe rappresentare una sfida per i nomadi digitali che non parlano arabo. Inoltre, la vita notturna è classificata come “scarso” e la città non è considerata amichevole per la comunità LGBTQ+.

Quindi, non importa se sei un freelance, un imprenditore o un nomade digitale, la chiave per avere successo a Dubai è la pianificazione. Considera il costo della vita, fai le tue ricerche e soprattutto, sii pronto a immergerti in un mondo di opportunità infinite. Come si suol dire a Dubai, “il futuro è ora”.

Paul Fasciano

Paul k. Fasciano è un Mental Coach prestato al mondo della comunicazione. E' anche Business Coach, Consulente, Editore e Autore.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Le ultime novità da quidubai

Investre a Dubai nel 2025

L’investimento a Dubai anche nel 2025 si presenta come un’opportunità allettante per gli investitori internazionali alla