///

Intervista con Eleonora Cerri: la consulente dei medici a Dubai

Tempo di lettura : 8 minuti

In questo articolo esploreremo il dinamico panorama delle carriere mediche nello sfidante contesto di Dubai, concentrandoci sulle esperienze e sulle prospettive uniche di Eleonora Cerri, consulente per il settore sanitario presso il Gruppo MP, uno studio di consulenza finanziaria internazionale situato nel prestigioso cuore finanziario di Dubai. Attraverso i racconti e le riflessioni di Eleonora, immergiamoci nelle sfide e nelle gratificazioni di una carriera medica in questa città cosmopolita, e scopriamo le risorse e il sostegno indispensabili per coloro che aspirano a intraprendere questo viaggio professionale.

Esplorando le opportunità del settore sanitario a Dubai: un mondo di sfide e soddisfazioni

Dubai, una città che affascina per la sua audacia architettonica, la sua diversità culturale e le sue opportunità senza limiti, rappresenta una tappa cruciale anche per molti professionisti sanitari che cercano di tracciare il loro percorso in un ambiente dinamico e in continua evoluzione. Tuttavia, dietro lo sfavillio dei grattacieli e l’innovazione futuristica, si nascondono sfide uniche che definiscono il contesto sanitario di questa metropoli del Golfo Arabico.

La crescente domanda di servizi sanitari di alta qualità, guidata da una popolazione cosmopolita in costante aumento, porta ad un costante flusso di opportunità professionali. Tuttavia, questa stessa domanda pone sfide significative, come la necessità di adattarsi a diverse pratiche mediche e culturali. I professionisti devono essere in grado di lavorare in un ambiente competitivo, multiculturale e multilingue, comprendendo e rispettando le varie prospettive e un panorama legislativo e regolatorio che può risultare complesso per i nuovi arrivati. Dubai ha un sistema sanitario sofisticato e alcune normative variano rispetto ad altri paesi, richiedendo una solida comprensione delle leggi e delle procedure locali. Eleonora Cerri, consulente per il settore sanitario presso il Gruppo MP, offre un’illuminante prospettiva su queste sfide. Attraverso la sua esperienza, Eleonora condivide con i lettori di QuiDubai.com come navigare con successo in questo ambiente, sfruttando le risorse disponibili e costruendo una solida base professionale.

Nell’intervista che seguirà, Eleonora condividerà le sue esperienze personali e professionali, offrendo consigli preziosi per coloro che aspirano a intraprendere una carriera nel settore sanitario a Dubai. Dalla ricerca di opportunità di lavoro alle sfide pratiche dell’adattamento a una nuova cultura lavorativa, Eleonora ci inizia a guidare attraverso il labirinto delle possibilità e dei percorsi di crescita che questa città cosmopolita offre nel campo della sanità.


Eleonora, grazie per averci concesso il tuo prezioso tempo. Puoi raccontarci brevemente del tuo percorso professionale e delle circostanze che ti hanno portato a Dubai?

Grazie a voi per l’opportunità. Il mio percorso è iniziato a Piacenza, dove sono cresciuta e ho studiato giurisprudenza. Tuttavia, non ho mai esercitato come avvocato. Il mio compagno è stato assunto come pilota di linea per una compagnia aerea a Dubai, e questo ha influenzato la mia decisione di trasferirmi. La pandemia di COVID-19 ci ha dato il tempo di riflettere e abbiamo deciso di cogliere questa opportunità. Così, pochi mesi dopo, ho fatto i bagagli e ho raggiunto Dubai dove ho iniziato a vivere e lavorare.

Prima di trasferirti, avevi già un’idea precisa di cosa avresti fatto a Dubai o hai dovuto costruire tutto da zero una volta arrivata?

Avevo già trovato lavoro prima di partire. Ho fatto domanda online in un grande Studio di cui conoscevo il lavoro e l’etica, e nel giro di una settimana avevo già completato i colloqui. Questo mi ha permesso di entrare subito nel mondo professionale di Dubai nel settore della company setup e della consulenza aziendale senza intoppi o ritardi.

Puoi spiegare meglio il ruolo specifico che hai trovato nel settore sanitario?

Certamente. Nel corso della mia esperienza, ho notato un vuoto nel supporto offerto in modo specifico ai professionisti sanitari, soprattutto ai medici italiani desiderosi di trasferirsi a Dubai. Questo vuoto, a mio avviso, rappresentava un’opportunità di intervenire e offrire un servizio altamente specializzato e mirato. Di conseguenza, ho deciso di focalizzarmi esclusivamente su questo settore, mettendo a disposizione le mie competenze per agevolare il processo di transizione per questi professionisti.

Il mio obiettivo è quello di semplificare ogni aspetto burocratico e amministrativo, aiutandoli a ottenere le licenze necessarie e a superare le barriere linguistiche e di certificazione. Inoltre, offro supporto attivo nella ricerca di opportunità lavorative, lavorando a stretto contatto con le istituzioni locali e presentando le candidature dei miei clienti in modo efficace e professionale. La mia missione è rendere il loro ingresso nel mercato del lavoro locale il più agevole possibile, consentendo loro di concentrarsi pienamente sulla pratica medica e sulle nuove sfide che il contesto internazionale può offrire.

Quali sono le principali sfide burocratiche che un medico italiano deve affrontare per trasferirsi a Dubai e come li aiuti a superarle?

La mia assistenza si adatta alle esigenze uniche di ciascun professionista sanitario, riconoscendo che ogni individuo ha background, obiettivi e sfide specifiche. La mia esperienza nel campo mi consente di offrire un servizio su misura, guidando i medici attraverso le complesse procedure di ottenimento della licenza medica a Dubai. Dalla raccolta e certificazione dei documenti richiesti, alla traduzione accurata e alla preparazione intensiva per l’Healthcare Professional License Examination, mi assicuro che ogni passo sia eseguito con precisione e attenzione ai dettagli.

Inoltre, il mio supporto si estende oltre il processo di licenza, includendo l’assistenza nella ricerca di opportunità lavorative adatte e nell’integrazione nella vita quotidiana a Dubai. Attraverso una consulenza personalizzata, affronto anche le questioni fiscali, logistiche e di adattamento culturale, garantendo che i medici possano concentrarsi sulla loro pratica medica con fiducia e sicurezza. La mia missione è fornire un sostegno completo e professionale, adattato alle esigenze e agli obiettivi di ciascun professionista, per facilitare una transizione di successo nel dinamico settore sanitario di Dubai.

Quali caratteristiche deve avere una figura professionale come la tua per essere efficace in un contesto come Dubai?

È fondamentale essere presenti sul territorio e avere connessioni locali, non solo con le autorità, ma anche con ospedali e cliniche. L’aggiornamento costante sulle normative è cruciale, dato che Dubai è una realtà in continua espansione e le regolamentazioni cambiano frequentemente. La capacità di interpretare e applicare correttamente queste normative dà un vantaggio competitivo rispetto a chi non è sul posto o non è aggiornato.

Quali sono le principali differenze tra il contesto lavorativo sanitario in Italia e a Dubai?

Una delle differenze principali è l’assenza di tasse sugli stipendi a Dubai, che rappresenta un grande vantaggio economico. Inoltre, le strutture sanitarie a Dubai sono spesso all’avanguardia, con tecnologie avanzate e investimenti significativi. Purtroppo, in Italia si assiste a una crisi del settore sanitario, con carenza di personale e condizioni lavorative difficili, il che spinge molti professionisti a cercare opportunità all’estero.

Quali consigli daresti a un medico italiano che sta considerando di trasferirsi a Dubai?

Consiglierei di informarsi bene sul processo burocratico e di prepararsi adeguatamente per l’esame di licenza. È importante avere un buon profilo LinkedIn e, se possibile, una presenza online che evidenzi le proprie competenze e pubblicazioni. Inoltre, considero prioritario trovare il lavoro giusto prima di trasferirsi e, ad oggi, io sono l’unica consulente dedicata specificamente a un target italiano in grado di offrire un supporto completo in questo ambito. Non solo fornisco consulenza e assistenza per ottenere la licenza e navigare il complesso iter burocratico, ma sono anche in grado di individuare opportunità lavorative prima ancora del trasferimento, garantendo una maggiore sicurezza e tranquillità.

In questo senso, valutare attentamente le offerte contrattuali, tenendo conto delle agevolazioni per l’affitto e altre condizioni è determinante per costruire un contesto ideale di vita e di carriera fin dall’inizio. Avere una consulenza professionale dedicata può quindi fare la differenza, riducendo al minimo i rischi e massimizzando le opportunità di successo.

Secondo te, quali sono le prospettive future per i medici italiani a Dubai?

Le prospettive sono molto positive. Dubai è in continua espansione e c’è una crescente domanda di professionisti sanitari. Le autorità locali apprezzano i medici che si trasferiscono con la famiglia e fanno di Dubai la loro residenza principale, offrendo agevolazioni contrattuali e supporto. La qualità della vita e le opportunità professionali a Dubai rendono questa destinazione molto attraente per i medici europei in generale e per quelli italiani in particolare.

Come vede Eleonora Cerri il futuro del settore sanitario a Dubai e il ruolo dei medici italiani in questo contesto?

Il settore sanitario a Dubai è destinato a crescere ulteriormente, con nuovi ospedali e cliniche in costruzione. I medici italiani, con la loro formazione e competenze, sono molto apprezzati e possono giocare un ruolo significativo in questo sviluppo. La combinazione di condizioni lavorative favorevoli, innovazione tecnologica e supporto locale rende Dubai una destinazione promettente per i professionisti sanitari italiani.

Puoi parlarci del Gruppo MP e come la sua missione si armonizza col tuo ruolo all’interno di questo studio di consulenza finanziaria internazionale?

Collaboro con il Gruppo MP con particolare soddisfazione. Come sai il Gruppo MP è uno studio di consulenza finanziaria internazionale con due sedi in Italia, a Roma e Padova, e la base operativa a Dubai, situata nelle Emirates Financial Towers, nel cuore del DIFC – il Quartiere Internazionale Finanziario. Questo quartiere è il fulcro dei maggiori istituti di credito emirati e rappresenta un ambiente dinamico e stimolante per il nostro lavoro. Lo Studio si occupa in particolare di Company Setup, Accounting & Bookkeeping, International Tax Consulting per una clientela italiana interessata a Dubai, ma non solo. Il mio ruolo qui è quello di consulente per il settore sanitario, dove mi occupo di assistere i professionisti della sanità che desiderano trasferirsi e lavorare a Dubai, offrendo loro supporto personalizzato grazie anche all’attività degli altri professionisti dello Studio. Insieme siamo quindi in grado di fornire una consulenza a 360° nel mercato del lavoro locale, sulle normative e sulle opportunità professionali e fiscali disponibili.

Concludendo, quali caratteristiche accomunano gli operatori nel campo sanitario che desiderano trasferirsi a Dubai?

Chiunque abbia l’intenzione di praticare nel settore sanitario a Dubai possiede tendenzialmente una serie di qualità essenziali per avere successo in questo ambiente unico e dinamico. In primo luogo, possiedono una mentalità aperta e adattabile, in grado di comprendere e rispettare le diverse culture e pratiche mediche presenti nella regione. La capacità di comunicare efficacemente con pazienti e colleghi di diverse nazionalità è cruciale qui, quindi è importante avere competenze linguistiche o la volontà di imparare le lingue locali come l’arabo o l’inglese. Inoltre, è essenziale essere altamente professionale e etico nel proprio lavoro, rispettando rigorosamente le normative e gli standard medici locali e internazionali. La flessibilità e la capacità di adattarsi rapidamente ai cambiamenti sono altresì importanti, considerando il rapido sviluppo e l’evoluzione del settore sanitario a Dubai.

Infine, la determinazione e la perseveranza sono qualità indispensabili per affrontare le sfide burocratiche e logistiche associate al trasferimento e alla pratica medica in qualsiasi nuovo paese. Con queste caratteristiche e un supporto adeguato, i professionisti sanitari possono avere sicuramente successo nel prospero ambiente sanitario di Dubai.

Se qualcuno fosse interessato a ricevere una consulenza personalizzata per il trasferimento a Dubai, come potrebbe mettersi in contatto con te?

Se siete interessati a ricevere una consulenza personalizzata per il trasferimento a Dubai, sono a disposizione per aiutarvi. Potete mettervi in contatto con me direttamente attraverso il mio profilo LinkedIn. Sarò felice di discutere le vostre esigenze e fornirvi le informazioni necessarie per facilitare il vostro trasferimento nel settore sanitario a Dubai.


Mentre esploriamo con la gentilissima Eleonora Cerri le dinamiche affascinanti e complesse del settore sanitario a Dubai, mi risulta sempre più chiaro che questa città offre un terreno fertile per l’innovazione e lo sviluppo professionale anche nel mondo della medicina e della sanità in generale. Tuttavia, è importante rimanere consapevoli delle sfide e dei compromessi che accompagnano questo percorso. Come sottolineato dalla Cerri, il successo in questo ambiente richiede non solo competenze mediche di alto livello, ma anche una comprensione profonda della cultura e delle normative locali. Lavorare a Dubai nel campo della sanità offre opportunità uniche di crescita e realizzazione professionale, ma richiede anche dedizione, adattabilità e un approccio aperto al cambiamento.

Mentre riflettiamo su queste considerazioni, è importante riconoscere l’importanza del contributo di Eleonora Cerri nel fornire una prospettiva autentica e informativa su questo argomento. Il suo impegno nel condividere le sue esperienze e conoscenze continuerà in futuro su questa pagine, con contenuti che approfondiranno tutti gli aspetti legati a questo mondo e alle opportunità che l’emirato offre, affinché sia di ispirazione per coloro che aspirano a perseguire una carriera nel settore sanitario a Dubai.

Ringrazio sinceramente Eleonora per la sua disponibilità e per aver arricchito questa discussione con la sua professionalità, simpatia e la sua esperienza senza pari. Il suo lavoro, dedicato a servire gli altri e a migliorare la vita e la carriera di chiunque cerchi opportunità nel settore sanitario, non può che essere riconosciuto come di inestimabile valore. La sua costante dedizione e il suo impegno nel fornire sostegno e guida sono, oggi, un riferimento prezioso per chiunque desideri prosperare in un ambiente così dinamico e impegnativo.


Eleonora Cerri risponde sul suo profilo LinkedIn e a questa e-mail: [email protected]

Paul Fasciano

Paul k. Fasciano è un Mental Coach prestato al mondo della comunicazione. E' anche Business Coach, Consulente, Editore e Autore.

Le ultime novità da quidubai